Chagall a Palazzo Reale



25 settembre 2014 - Oggi ho visitato - con mamma, figlia e nipote - l'affollatissima mostra di Chagall che si tiene a Milano nella bella cornice del Palazzo Reale fino al primo febbraio 2015. 

Mi dicono che si tratta della più importante retrospettiva su Chagall realizzata in Italia negli ultimi 50 anni. Sono esposte 200 opere provenienti da importati musei internazionali – come il MoMa e il Metropolitan Museum di New York, la National Gallery di Washington DC, il Museo nazionale russo di San Pietroburgo, il Pompidou di Parigi – e da oltre 50 collezioni pubbliche e private di tutto il mondo.
Conoscevo già Marc Chagall per aver visitato i luoghi da lui frequentati in Francia - e relativi musei - soprattutto in Provenza, ma non avevo mai avuto l'occasione di apprezzare la sua opera tanto come oggi: la mostra è davvero bellissima!

9/25/2014 - Today I visited - with my mom, daughter and granddaughter - the crowded Chagall exhibition held in Milan in the beautiful setting of the Royal Palace until February 1, 2015. 

It seems it's the most important retrospective of Chagall made ​​in Italy in the last 50 years. On display there are 200 works from  international museums - such as the MoMA and the Metropolitan Museum in New York, the National Gallery in Washington DC, the National Museum of Russian in Saint Petersburg, the Pompidou in Paris - and more than 50 public and private collections from worldwide. 
I already knew Marc Chagall's works  from my French holidays - especially in Provence - but I never had the opportunity to appreciate his work as much as it is today: the exhibition is really beautiful!



Nella sala antistante l'ingresso, al primo piano del cortile interno, sono esposti i costumi che Chagall ha disegnato per il balletto Aleko di Sergej Rachmaninov. Dopo questa foto non ho potuto farne altre per il consueto divieto imperante nei musei, ma ho comunque trovato le immagini dei quadri che mi hanno maggiormente colpito.

In front of the entrance hall, on the first floor of the courtyard, are exposed the costumes that Chagall designed for the ballet 'Aleko' by Sergei Rachmaninov. I could not take some other pictures -  for the current prohibition in museums - but I still found the pictures of the paintings I have been most impressed.


Il primo è "Il Compleanno" del 1915: quello che è stato maggiormente apprezzato da mia figlia, che proprio oggi compie 23 anni (auguri Marta!). Colori magnifici.

The first is "The Birthday" , 1915 : my daughter really appreciate it , today is her birthday too (Marta, many whishes!). Beautiful colors.

A seguire:

Following:


"La passeggiata" del 1917: una grande tela in cui si vede uno Chagall felice con la sua novella sposa, - forse quello che ho preferito - .

"The walk",1917: a large canvas in which you can see an happy Chagall with his new bride - maybe my preferred one - .


"Gli amanti in blu", piccola tela del 1914 di un blu magnifico

"Lovers in Blue", small painting of 1914 in a magnificent blue


"Il poeta giacente" del 1915, un quadro rasserenante

"The poet lying" , 1915, a reassuring framework


"Nudo sopra Vitebsk" del 1933. La foto non gli rende giustizia:  il contrasto con lo sfondo ovattato, il corpo nudo ed i fiori è fantastico.

"Naked on Vitebsk", 1933. This photo does not do justice: the contrast with  softened background , naked body and flowers is fantastic.


"L'aquila e lo scarabeo", una gouache del 1926. Qui mia figlia ha esclamato: "Ma l'aquila ha catturato un coniglio, non uno scarabeo!" ...poi, a fatica, abbiamo trovato lo scarabeo nell'angolo in basso a sinistra ;)

"The Eagle and the Beetle," a 1926 gouache. Here my daughter exclaimed: "But the eagle has caught a rabbit, not a beetle!" then ..., hardly, we found the beetle in the lower left ;)


"La mucca con l'ombrello", 1946. Qui sono rappresentati molti simboli della cultura ebraica in un ensemble di pura poesia. Una fiaba dipinta.

"The cow with the umbrella", 1946,.  , Many symbols of Jewish culture are presented in this framework, in an ensemble of pure poetry. A fairy tale painted.


E per ultimo, ma non ultimo, "La Madonna del Villaggio (1938-1942), una tela di un'estrema armonia.

And last, but not least, "The Madonna of the Village (1938-1942), a painting of an extreme harmony.

Che dire di più: Chagall è modernissimo e dipinge in modo sublime. Non sono un'esperta d'arte ma  il genio colpisce al cuore anche i profani come me.

What more can I say: Chagall is really modern and  paints in a sublime way. I'm not an art expert but the genius is recognized even by a profane like me






Info: 
http://www.mostrachagall.it


0 commenti:

Posta un commento

 

Thanks to:

Ringraziamo gli artisti Edel Rodriguez e Fabian Ciraolo per averci gentilmente concesso l'utilizzo delle immagini delle loro opere per la testata del blog.

Follow us via email

Blog Archive

What do you think?

Cosa ne pensi di Fourfancy? Se hai qualche consiglio per noi, saremo felici di seguirlo! Scrivi a: fourfancy@gmail.com