Da Adriana la nostra fashion insider: Drogheria Crivellini, ecoshoes


Da una vecchia drogheria nasce un marchio di scarpe leggere e ironiche, realizzate artigianalmente.

From an old grocery store comes a brand of shoes that are light, ironic, and handcrafted



Fondata nel 1955 a Udine, la Drogheria Crivellini, come qualunque altra drogheria, vendeva di tutto: spezie e saponi, pane e salumi, pasta, farina, dolci, liquori. Ma, a differenza di molte altre, vendeva anche scarpe. Non scarpe qualsiasi bensì le Furlane, calzature tipiche della zona, fatte a mano utilizzando, come nella più tradizionale cultura contadina in cui non si butta via niente, materiali di scarto: i tessuti di risulta diventavano tomaie, i sacchi di juta, quelli del caffè, erano perfetti come imbottiture mentre per le suole venivano usate le gomme delle biciclette. Confezionate solitamente in casa e utilizzate sia per il lavoro che per il tempo libero, le Furlane cominciarono presto a diffondersi anche nel resto del Nord Est, sopratutto Venezia, dove un ambulante friulano le vendeva in una bancarella vicina al Ponte di Rialto. Furono soprattutto i gondolieri ad apprezzarle, sia per la leggerezza sia per la suola in gomma e dunque anti-scivolo. Oggi, decenni dopo, le Furlane rinascono attraverso un marchio, Drogheria Crivellini che parte proprio dal retaggio culturale del territorio per proporre versioni contemporanee di questa antica calzatura tradizionale. Ci sono 3 collezioni: Heritage, Art Projects and Good Life

Founded in 1955 in Udine, in the northern part of Italy, the "Drogheria Crivellini" like any other grocery store, was selling everything from spices and soaps, bread and cold cuts, pasta, flour, sweets, liqueurs. But, unlike many others, they also sold shoes. Not just any shoe, but the "Furlane" footwear, more sleepers and typical of the area.  They are handmade following the traditional rural culture, which is not to throw anything away, but to use discarded materials: the jute, coffee bags, were perfect as padding while the soles utilized bikes tiresUsually homemade, the Furlane soon began to spread to the rest of the northeast, especially Venice, where they are still sold near the Rialto Bridge. It was especially the gondoliers who appreciated them, both the lightness of the shoes and the anti-slippery rubber sole. Today, decades later the "Furlane" are back  again offering contemporary versions of this ancient  traditional footwear. They have 3 lines: Heritage, Art Projects and Good Life






Heritage, è caratterizzata da modelli unisex e “ambidestri” (quindi si possono differentemente calzare sull’uno o l’altro piede) è realizzata artigianalmente con gli stessi materiali di quelle originali. Unisex, ambidestra, sacco di juta, velluto di cotone, copertoni di bicicletta riciclati, cuciture a vista: questi erano gli ingredienti delle furlane tradizionali.

Heritage, features unisex models that can be worn differently on either foot, and are handcrafted with the same materials as the old original shoes. Made with jute sack, cotton velvet, the soles made of recycled bicycle tires, with exposed seams: these are the old  way  of traditional "furlane"
La collezione Art Projects e' il risultato di collaborazioni con artisti e realtà creative; con il duo di stilisti cinesi di Shanghai Song Tao e Ji Wejiu, il progetto "Birdhead: The Journey Of Thousand"

The Art Projects collection is the result of collaborations with artists and creative realities; the Chinese design duo Shanghai Song Tao and Ji Wejiu, the project "Birdhead: The Journey Of Thousand"



"Dispongono la poesia tradizionale cinese "Il Cammino di mille miglia inizia con un singolo passo" in 8 ideogrammi separati, sul sottopiede, all’interno delle calzature: in questo modo, sottolineano, chi porta le scarpe è sostenuto, incitato e accompagnato nel cammino. Scarpe realizzate in velluto di cotone, con ricamo dorato della firma degli artisti sulla punta, e testo stampato all’interno delle scarpe.

The Art Projects collection is done trough collaborations with artists and creative realities; one of these, with the Chinese design duo Shanghai Song Tao and Ji Wejiu, is called "Birdhead: The Journey Of Thousand".  They have taken the traditional Chinese poem, "The Way of a thousand miles begins with a single step", 8 separate characters, on the insole, inside the shoes to underline, for those who wear the shoes are supported, incited and accompanied on the journey. Shoes made of cotton velvet, with golden signature on the tip of embroidery artists, and text printed on the inside of the shoes.







La collezione Good Life mette in risalto tutti i temi cari al brand: riciclo, sostenibilità ambientale, leggerezza, autoironia.Save The Amazon, use Jute
Questo capitolo delle collezioni riassume l’anima del progetto; si raccolgono i temi che stanno alla base della ricerca di Drogheria Crivellini, che vuole offrire al fruitore un’interpretazione leggera, fresca, intrigante e coinvolgente di temi quali:— riciclo, attenzione all’ambiente, upcycling;— temi e tendenze del fashion o del design, che si esprimono con i materiali o colori più adatti ad interpretare la contemporaneità, ma sempre con quella leggerezza di chi vuole proporre un lusso alternativo, che non si prenda troppo sul serio
The Good Life collection highlights all the issues dear to the brand: recycling, environmental sustainability, lightness, autoironia Save The Amazon, and using Jute. This project  summarizes the soul of the collections of the project. Gather themes that underlie the search for Drogheria Crivellini, that wants to offer to the user light, fresh, intriguing interpretation and addictive issues such as recycling, environmental awareness, upcycling. Themes and trends of fashion or design, which are expressed with the right materials or colors to interpret contemporary, always with that lightness of those who want to propose an alternative luxury, and that does not take itself too seriously





0 commenti:

Posta un commento

 

Thanks to:

Ringraziamo gli artisti Edel Rodriguez e Fabian Ciraolo per averci gentilmente concesso l'utilizzo delle immagini delle loro opere per la testata del blog.

Follow us via email

Blog Archive

What do you think?

Cosa ne pensi di Fourfancy? Se hai qualche consiglio per noi, saremo felici di seguirlo! Scrivi a: fourfancy@gmail.com