La germinazione dei Semi di Marijuana

La germinazione dei semi di marijuana avviene attraverso vari metodi. Quando è coltivata all’esterno, può anche avvenire naturalmente grazie all’umidità prodotta dalla pioggia. La germinazione del seme è una delle fasi critiche durante la crescita della pianta di marijuana. Piccoli germogli o piante sono vulnerabili alla troppa luce, troppa acqua, o alle temperature sbagliate. Quando la fase di germinazione dei semi di marijuana della pianta è terminata, e la pianta raggiunge i 10 o i 20 cm in altezza, la prima fase critica è passata.

Non importa se si vuole coltivare la pianta di marijuana all’esterno o all’interno, la germinazione va fatta sempre all’interno in condizioni controllate. Se i semi sono troppo secchi o vecchi, la cosa migliore da fare è immergerli in un bicchiere d’acqua. A seconda dell’età del seme ci vorranno dalle 12 alle 24 ore prima che la buccia del seme si apra e che nasca il piccolo germoglio di marijuana. Bisogna controllare il bicchiere d’acqua costantemente dato che il germoglio può marcire se rimane in acqua troppo tempo. Controllate costantemente ogni seme per vedere quando germoglia, quindi, levatelo immediatamente dall’acqua. Se scegliete il metodo del bicchiere d’acqua, riempite un normale bicchiere con acqua tiepida e metteteci dentro i semi di marijuana. L’ideale sarebbe usare un bicchiere largo, in modo da levare più facilmente i germogli una volta che nascono, data la loro fragilità. Personalmente un bicchiere da whisky è l’ideale. Non è molto profondo, ma largo abbastanza, e grazie allo spessore grosso, mantiene la temperature tiepida dell’acqua più a lungo.

Un altro modo molto usato per la germinazione dei semi di marijuana è la tecnica del cotone bagnato in un piatto. Prendete semplicemente un piatto e metteteci sopra un pezzo di cotone impregnato d’acqua. Copritelo con un altro pezzo di cotone impregnato anch’esso d’acqua, e poi coprite il tutto con un altro piatto. Create cosi un’ottima camera di germinazione per i vostri semi. Se usate dei semi di marijuana freschi d’alta qualità, la velocità di germinazione è simile a quella del metodo col bicchiere d’acqua. Questa tecnica ha però un vantaggio rispetto al metodo col bicchiere: quando il seme si apre non dovete essere così veloci nel rimuovere il germoglio, dato che il germoglio non marcirà cosi rapidamente. Per di più è molto più facile trasferire il germoglio dal piatto in un vasetto, che pescarlo dal bicchiere.

Non importa quale metodo userete, mettete i semi per la germinazione in un posto con temperature tra i 21 e i 24 °C. Evitate la luce diretta del sole. Una stanza buia o con luce fioca è perfetta. Non c’ è bisogno di luce speciale durante il giorno e la notte. Solo la temperatura giusta e poca luce sono sufficienti.

Quando prendete il piccolo germoglio di marijuana con le vostre mani rischierete sempre di schiacciarlo e di ucciderlo. Quando germogliate il seme nel piatto, potete aspettare che raggiunga le dimensioni di 5 o 10 mm. Questo è il momento migliore per trasferire il germoglio in terra.

Per comodità usate delle pinzette per prendere e trasferire i germogli di marijuana nella terra. La cosa migliore da fare è aggiungere dei piccoli cuscinetti di cotone sulla punta delle pinzette per assicurare che il seme sia preso gentilmente.

Adesso che sapete come germinare i semi di marijuana e come occuparvi dei nuovi germogli immediatamente dopo che il seme si è aperto, è ora di concentrarsi su cosa fare con i germogli. Preparate dei piccoli vasetti per i fiori con della terra. Le dimensioni dei vasetti possono essere più o meno tra gli 8 e i 10 cm di diametro e intorno ai 5 e gli 8 cm di profondità. Usate la terra normale che si usa per i fiori per riempire i vasetti. Aggiungete un po’ d’acqua in modo che la terra si compatti da sola senza schiacciarla. Dopo aver aggiunto l’acqua, la terra è compatta abbastanza per il germoglio, non c’ è bisogno di pressarla con la mano. Il vostro germoglio ci deve infiltrare le sue piccole radici, quindi non rendeteglielo troppo difficile.

Usate il mignolo per fare un piccolo buco nel centro di ogni vasetto. Il buco deve essere intorno agli 8 e i 10 mm di profondità. Ora prendete con cura il germoglio con le vostre pinzette e mettetelo nel buco, facendo attenzione che il gambo verde del germoglio sia diretto verso l’alto, e non di lato o verso il basso. Quindi, usate le pinzette e circondate il germoglio con la terra facendo attenzione a non schiacciarlo. Solo la base e il seme col guscio devono rimanere coperti.

Tenete i vasetti con i piccoli germogli di marijuana nella stessa stanza con la luce soffusa tra i 21 e i 24 °C. Le piccole piante di marijuana cresceranno rapidamente, quindi le dovrete tenere in quella stanza per soli 5 o 10 giorni, solo fino a quando la pianta raggiunge pochi centimetri di altezza, tra i 5 e i 10 cm è perfetto.

I germogli di marijuana sono ora pronti per essere spostati per la crescita, non importa se all’interno o all’esterno. Quando mettete i vasetti all’esterno, fate attenzione che non prendano luce diretta almeno all’inizio, perché se la temperatura è troppo alta la piccola pianta potrebbe seccarsi, dato che ancora non è capace di assorbire abbastanza acqua rapidamente dalla terra. Se siete all’inizio dell’anno, o in climi freddi, potete mettere le piante gia al loro posto. Dato che i parassiti possono attaccare facilmente la pianta, usate l’olio di neem sin dall’inizio. Si trova di solito come liquido che viene diluito con acqua e spruzzato sopra le piante. L’olio di neem non è nocivo come invece lo sono molti prodotti chimici, e potrete fumare la vostra erba senza problemi. Le piante di marijuana devono essere spruzzate ogni due o tre settimane quando coltivate all’aperto, e potete smettere di spruzzare l’olio quando inizia il periodo di fioritura, visto che l’olio di neem può alterare il gusto delle vostre cime, se ci sono dei residui nel fiore.

Precedente

Zucchero di canna integrale

Periodo di fioritura della pianta di marijuana

Successivo